bedandbreakfast.place, il posto dei B&B in Italiabedandbreakfast.place, il posto dei B&B in ItaliaQUI IL TUO B&B GRATIS
Cosa vedere a Torino: 10 cose da fare in un giorno a Torino
  1. Home
  2. »
  3. Blog Vacanze
  4. »
  5. Piemonte
  6. »
  7. Torino
  8. »
  9. Cosa vedere a Torino: 10 cose da fare in un giorno a Torino

Cosa vedere a Torino: 10 cose da fare in un giorno a Torino

Torino è universalmente riconosciuta come una delle città italiane da visitare, il prestigioso New York Times annovera il capoluogo piemontese addirittura tra le mete turistiche mondiali del 2016.

Torino offre ai suoi visitatori una vasta gamma di attrattive che contemplano chiese, palazzi, musei, gallerie d'arte, buon cibo ed eventi di fama internazionale che richiederebbero settimane per essere visitate ed apprezzate tutte. Ciò nonostante si cercherà di presentare un itinerario della città che permetterà di vedere molte delle più importanti bellezze torinesi in un solo giorno oppure in base al numero di musei che si intende visitare e alle immancabili code in un solo week-end. In ogni caso prima di partire può essere utile controllate dove dormire a Torino.

  1. Mole Antonelliana e Museo Nazionale del Cinema

    La Mole Antonelliana è simbolo della città di Torino e uno dei più celebri del paese. Realizzata tra il 1863 e il 1889 su progetto dell'architetto Antonelli da cui prende il nome, la Mole Antonelliana con i suoi 167,5 metri d'altezza è una delle strutture più alte della penisola. Grazie all'ascensore panoramico costruito nel '61 per il centenario dell'unità d'Italia è possibile con un'unica corsa arrivare a quota 85 metri in corrispondenza del tempietto da cui ammirare la città di Torino con una visuale a 360°.

    vedere Mole Antonelliana a Torino
    Cosa vedere a Torino: Mole Antonelliana

    Dal 1953 la Mole Antonelliana è anche sede del Museo Nazionale del Cinema tra i più importanti al mondo e unico in Italia nel suo genere con una vasta esposizione di macchine e attrezzature cinematografiche antiche e moderne, nonchè manifesti, pellicole, dipinti, stampe, documenti e altri cimeli provenienti dai set di film italiani ed internazionali di ogni epoca esposti su oltre 3.200 mq che si sviluppano su ben 5 piani. Il Museo ospita importanti eventi cinematografici tra cui il celebre Torino Film Festival.

    Prima di partire controllare dove dormire vicino alla Mole Antonelliana di Torino, ubicata in Via Montebello 20, traversa della più famosa Via Po. Per ulteriori informazioni, costi e prenotazioni www.museocinema.it

  2. Museo Egizio di Torino

    Il Museo Egizio di Torino è universalmente considerato per qualità e quantità dei reperti il più importante museo al mondo sull'antica civiltà egizia dopo quello egiziano di Il Cairo. Nel 2013 il quotidiano britannico The Times lo inserisce nella lista dei 50 musei più importanti del mondo. Il museo di Torino rappresenta anche il primo museo egizio in assoluto, infatti fu istituito nel lontano 1824 da Re Carlo Felice, già allora in possesso di diversi migliaia di pezzi di grande valore, tra cui mummie, papiri, statue, sarcofagi, amuleti e monili, provenienti da scavi da parte di appassionati egittologi, che nei decenni arrivarono ad arricchire il museo con una collezione di oltre 30.000 testimonianze della vita dell'antico Egitto.

    visitare Museo Egizio a Torino
    Cosa vedere a Torino: Museo Egizio

    Dopo la recente ristrutturazione il museo ha più che raddoppiato la propria superficie espositiva che oggi si sviluppa su 60.000 mq disposti su 4 piani, di cui uno interrato e conta quasi un milione di visitatori all'anno confermandosi uno dei musei più visitati d'Italia.

    Prima di partire controllare dove dormire vicino al Museo Egizio di Torino, ubicato in Via Accademia delle Scienze 6, a pochi passi da Piazza San Carlo. Per ulteriori informazioni, costi e prenotazioni www.museoegizio.it

  3. Duomo di Torino e Sacra Sindone

    Il Duomo di Torino o Cattedrale di San Giovanni Battista è dedicato al santo patrono della città, così come è dedicata la piazza su cui si affaccia la struttura, in pieno centro storico. Il monumento rappresenta l'unica chiesa in stile rinascimentale presente nel capoluogo piemontese. Il duomo fu realizzato tra il 1491 e il 1498 su progetto dell'architetto Amedeo de Francisco di Settignano per volontà dei Savoia e del vescovo Domenico della Rovere, sulle macerie di 3 vecchie chiese abbattute per l'occasione, ad eccezione di un campanile di altezza 63 metri, ancora oggi presente.

    vedere Duomo di Torino e Sacra Sindone
    Cosa vedere a Torino: Duomo di Torino

    A partire dal 1649 furono avviati i lavori di ampliamento della struttura per mano di famosi architetti tra cui Guarino Guarini con l'obiettivo di creare un ambiente degno di ospitare la Sacra Sindone: un lenzuolo di lino su cui sono configurate sembianze umane che la tradizione cristiana attribuisce a Gesù. Preziosa reliquia che nel 1997 si salvò da un incendio grazie al tempestivo intervento dei pompieri. Con il conseguente restauro la Santa Sindone venne custodita in una nuova e più sicura teca e venne riportato allo stato primitivo la chiesa sotterranea che oggi ospita il Museo Diocesano di Torino.

    Prima di partire controllare dove dormire vicino alla Cattedrale di San Giovanni Battista di Torino, accessibile da . Per ulteriori informazioni www.duomoditorino.it

  4. Piazza Castello, Palazzo Madama e Palazzo Reale

    Piazza Castello sorge nel centro storico della città e rappresenta la piazza più importante di Torino da cui si snodato 4 importanti arterie viarie: Via Roma, Via Po, Via Pietro Micca e la pedonalizzata Via Garibaldi. La piazza di forma quadrata ospita al centro il complesso architettonico di Palazzo Madama e Casaforte degli Acaja che oggi ospita il Museo Civico d'Arte Antica con 35 sale e 4 piani più uno panoramico per oltre 70.000 opere esposte, tra cui quadri, sculture, ceramiche, arredi, tessuti, oggettistica, dei periodi medievale, gotico, rinascimentale e barocco.

    visitare Piazza Castello a Torino
    Cosa vedere a Torino: Piazza Castello, Palazzo Madama e Palazzo Reale

    Invece lungo il perimetro di Piazza Castello, quasi interamente caratterizzato da eleganti portici di differenti epoche, sono presenti importanti strutture quasi tutte patrimonio dell'umanità UNESCO: il Palazzo della Prefettura in stile barocco del celebre architetto Juvarra, l'Armeria Reale che custodisce una delle collezioni più importanti al mondo di armi e armature antiche, il teatro lirico di Torino o Teatro Regio tra i più grandi e rinomati d'Italia, l'ex Palazzo della Regione Piemonte, la Chiesa di San Lorenzo di epoca barocca opera dell'architetto Guarino Guarini, l'antica galleria commerciale torinese Galleria Subalpina, la Torre Littoria tra i maggiori esempi della corrente architettonica del Razionalismo Italiano. A nord-ovest la piazza si estende su un'area costeggiata da Palazzo Chiablese, ex residenza Savoia, nota come Piazzetta Reale che porta a Palazzo Reale: prima e più importante tra le residenze sabaude piemontesi e centro della politica del regno sabaudo per almeno tre secoli.

    Prima di partire controllare dove dormire vicino a Piazza Castello di Torino. Per ulteriori informazioni, costi e prenotazioni aggiornate consultare i siti ufficiali di Palazzo Reale ilpalazzorealeditorino.it e Palazzo Madama palazzomadamatorino.it

  5. Parco, Borgo Medievale e Castello del Valentino

    Il Parco del Valentino sorge lungo le rive del fiume Po in prossimità del centro, rappresenta il più antico e famoso parco di Torino e con i suoi 421.000 mq il secondo per estensione dopo il Parco della Pellerina. Il parco è costantemente aperto al pubblico e presenta un notevole patrimonio arboreo fatto di oltre 1.800 esemplari ad alto fusto di svariate specie, tra cui anche di tipo monumentale.

    vedere Parco e Borgo Medioevale del Valentino a Torino
    Cosa vedere a Torino: Parco e Borgo Medievale del Valentino

    Non solo tanta natura a pochi passi dal centro cittadino, ma anche arte, storia e scienza, infatti all'interno del parco troviamo il Castello del Valentino: ex residenza Savoia, oggi sede della Facoltà di Architettura di Torino e bene patrimonio dell'umanità dal 1997, il Borgo Medievale: riproduzione di un borgo medievale con castello ispirato a modelli di Piemonte e Valle d'Aosta realizzato in occasione dell'Esposizione Generale Italiana del 1884, l'Orto Botanico dell'Università degli Studi di Torino che presenta oltre 2.500 specie, comprese molte piante esotiche, su 3 ettari di superficie e la Fontana dei Mesi e delle Stagioni caratterizzata da statue, giochi d'acqua e di luce e realizzata in occasione dell'Esposizione Internazionale di Torino del 1898, di cui rimane l'unica testimonianza.

    Prima di partire controllare dove dormire vicino al Parco Valentino di Torino. Per ulteriori informazioni, costi e prenotazioni consultare i siti ufficiali del Borgo Medievale (ingresso al borgo gratuito, alla rocca a pagamento) borgomedievaletorino.it e del Castello del Valentino castellodelvalentino.polito.it.

  6. Porta Palatina e Parco Archeologico di Torino

    In pieno centro storico, davanti al Duomo di Torino si erge all'interno del Parco Archeologico di Torino la Porta Palatina che rappresentava in epoca romana il punto d'accesso da settentrione alla Augusta Taurinorum, poi diventata l'attuale Torino. I resti rappresentano la maggiore testimonianza dell'epoca romana della città, ma anche una delle porte difensive risalenti al I secolo a.C. meglio conservate al mondo. All'interno del Parco Archeologico e a poca distanza dalla Porta Palatina sono presenti i resti di un antico teatro romano datato 13 a.C. e in uso fino al III secolo. Dopo secoli di incuria fu riportato alla luce nel 1899 per volontà di re Umberto I.

    visitare Porta Palatina a Torino
    Cosa vedere a Torino: Porta Palatina

    A pochi passi dalla Porta Palatina si estende la zona di Porta Palazzo che ha il suo fulcro in Piazza della Repubblica. La piazza di forma ottagonale e una superficie di 51.300 mq rappresenta la piazza più grande della città e quotidianamente ospita il mercato all'aperto più grande d'Europa.

    Prima di partire controllare dove dormire vicino alla Porta Palatina di Torino.

  7. Via Po, Piazza Vittorio Veneto e Gran Madre di Dio

    Via Po collega la centralissima Piazza Castello con Piazza Vittorio Veneto, rappresenta quindi una delle vie più importanti della città, via lungo i cui lati si sviluppano i caratteristi portici torinesi sotto i quali prendono forma negozi, librerie e locali storici come il Caffè Fiorio nato nel lontano 1780 e in passato ritrovo abituale prima di nobili, poi dei maggiori intellettuali e politici del Risorgimento. Al termine dei 704 m di lunghezza di Via Po nasce Piazza Vittorio Veneto che con i suoi 39.960 mq è la piazza con portici più grande d'Europa. Dal punta di vista storico, culturale e sociale la piazza ha ospitato in passato e ancor oggi eventi importanti come la sfilata per la liberazione di Torino, dal '45 è luogo di partenza e di raduno per la festività del Primo Maggio, i fuochi d'artificio per la festa del santo patrono che richiamano una media di 200.000 persone da tutta Torino ogni anno, nel 2015 fu sede della messa di Papa Francesco andato nel capoluogo piemontese per l'ostensione della Sindone.

    vedere Piazza Vittorio Veneto a Torino
    Cosa vedere a Torino: Via Po, Piazza Vittorio Veneto e Gran Madre di Dio

    La piazza dalla parte opposta a Via Po è delimitata dalle rive del fiume Po e dal ponte Vittorio Emanuele I che punta dritto alla Chiesa della Gran Madre di Dio che costituisce uno dei luoghi di culto più rinomati di Torino. Realizzatata tra il 1818 e il 1831 per festeggiare il ritorno di re Vittorio Emanuele I di Savoia dopo la ritirata dell'esercito di Napoleone, ha forma caratteristica perchè riprende quella del Pantheon romano in stile noeclassico-adrianeo.

    Prima di partire controllare dove dormire vicino Piazza Vittorio Veneto di Torino.

  8. Via Roma e Piazza San Carlo

    Via Roma è una delle più importanti vie di Torino, collega la centralissima Piazza Castello alla storica stazione di Porta Nuova attraversando lungo i 607 metri della sua lunghezza le famose Piazza San Carlo e Piazza C.L.N. fino a giungere in Piazza Carlo Felice che si estende davanti alla stazione ferroviaria. Oggi Via Roma con i suoi caratteristici portici, eleganti caffè, boutique e negozi di abbigliamento è uno dei principali ritrovi per lo shopping cittadino.

    vedere Piazza San Carlo a Torino
    Cosa vedere a Torino: Via Roma e Piazza San Carlo

    Piazza San Carlo è una famosa piazza torinese a pianta rettangolare interamente porticata. Fin dal suo ammodernamento è diventata abituale punto di ritrovo nei tanti caffè storici, come il Caffè San Carlo e il Caffè Torino, di intellettuali, nobili e reali, tanto da essersi guadagnata l'appellativa di Salotto di Torino. Degne di nota anche le due chiese gemelle in stile barocco posizionate sul lato sud, si tratta della Chiesa di San Carlo realizzata nel 1619 e la Chiesa di Santa Cristina costruita nel 1639, infine al centro della piazza si erge dal 1838 il Caval ëd Bronz (Cavallo di Bronzo): maestoso monumento equestre ideato in favore di Emanuele Filiberto. Proseguendo verso Porta Nuova incontriamo Piazza C.L.N. in passato chiamata Piazza delle Due Fontane per la presenza di due fontane con statue raffiguranti il fiume Po e la Dora Riparia. Nel 1975 il regista Dario Argento gira nella piazza alcune scene del film Profondo Rosso. Infine troviamo davanti alla stazione Piazza Carlo Felice intitolata a Carlo Felice di Savoia re del Regno di Sardegna e caratterizzata da una forma semicircolare e dalla presenza di un'area verde che occupa tutta la zona centrale e nota come Giardino Sambuy impreziosito da piante rare, da un orologio floreale donato dalla città di Ginevra e da statue dedicate a Ernesto di Sambuy, Edmondo De Amicis e Massimo D'Azeglio.

    Prima di partire controllare dove dormire vicino Piazza San Carlo di Torino.

  9. Palazzo Carignano e Museo nazionale del Risorgimento italiano

    Palazzo Carignano o Palazzo dei Principi di Carignano è uno dei più importanti palazzi storici della città di Torino, ma anche uno delle più apprezzate testimonianze dell'architettura barocca tanto da essere riconosciuto dall'UNESCO nel 1997 patrimonio dell'umanità. Il palazzo venne realizzato su progetto dall'architetto Guarino Guarini tra il 1679 e il 1685 per volere di Emanuele Filiberto di Savoia per farne la residenza dei Principi di Carignano, nel 1948 l'edificio divenne sede della Camera dei Deputati del Parlamento Subalpino, nel 1861 la struttura venne ampliata per poter ospitare il primo Parlamento italiano. Nel palazzo avvennero 2 eventi storici memorabili: la concessione dello Statuto Albertino e la proclamazione del Regno d'Italia.

    vedere Palazzo Carignano e il Museo nazionale del Risorgimento italiano a Torino
    Cosa vedere a Torino: Palazzo Carignano

    Oggi Palazzo Carignano ospita il Museo nazionale del Risorgimento Italiano che rappresenta il più antico, grande e importante museo dedicato all'epoca risorgimentale, durante la quale avvenne l'unificazione politica dell'Italia, anche se i cimeli e le collezioni esposte nel museo sono databili in un arco temporale un po' più ampio che intercorre tra l'anno dell'assedio di Torino nel 1706 e la nascita della Repubblica Italiana nel 1946.

    Prima di partire controllare dove dormire vicino a Palazzo Carignano di Torino, ubicato in Via Accademia delle Scienze 5. Per ulteriori informazioni, costi e prenotazioni museorisorgimentotorino.it

  10. Piazza Palazzo di Città e Basilica del Corpus Domini

    Piazza Palazzo di Città, in passato nota come Piazza delle Erbe, è una piccola piazza che sorge in quello che era il cuore dell'antica città romana. La piazza di pianta rettangolare è caratterizzata da eleganti portici progettati dall'architetto barocco Benedetto Alfieri, dalla presenza del settecentesco Palazzo Civico, in antichità Palazzo di Città, che è sede del municipio della città di Torino e al centro dalla Statua del Conte Verde e il Moro voluta da Carlo Alberto di Savoia in occasione delle nozze tra Amedeo VI di Savoia detto il Conte Verde e la Principessa di Lorena.

    visitare Basilica del Corpus Domini a Torino
    Cosa vedere a Torino: Basilica del Corpus Domini

    La piazza è collegata alla vicina Piazza Corpus Domini, in passato nota come Piazza del Grano, famosa per ospitare la Basilica del Corpus Domini, eretta in epoca e stile barocco in ricordo del grande miracolo eucaristico di Torino che secondo le testimonianze avvenne il 6 giugno 1453.

    Prima di partire controllare dove dormire vicino a Piazza Palazzo di Città di Torino.

 
cerca bed and breakfast, agriturismi, affittacamere, hotel, case vacanza su bedandbreakfast.placebedandbreakfast.place, il posto dei B&B in Italia
I cookie permettono di offrire un servizio migliore, utilizzando il sito accetti l'uso di cookie anche di terze parti. Dettagli